Etichettato: torcia frontale

LedLenser H7.2 fiat lux

Una cosa che non doverbbe MAI mancare nell’attrezzatura di un viaggiatore in moto è una buona pila e, secondo me, oggi, niente supera in termini di praticità la frontale, permette di avere le mani libere se si deve lavorare e, le più potenti, possono addirittura sostituire il faro della moto in condizioni di emergenza (si prega che non succeda mai, ma se dovesse succedere…)

P1040287Le prime lampade frontali con cui ho avuto a che fare erano degli accrocchi ingombranti, pesanti e con un rendimento relativamente basso, la mia prima è stata una gloriosa Petzl Zoom con un riflettore grosso come una tazza per la colazione davanti ed una batteria piatta da 4,5V dietro, praticamente si girava con tre etti di roba sulla testa, la potenza era modesta e la durata anche. Le cose in termini di potenza miglioravano un po’ installando una lampadina alogena, ma la durata della batteria crollava drammaticamente.
L’avvento dei led ad alta efficienza ha cambiato radicalmente le cose, le frontali moderne raggiungono potenze in lumen altissime, senza andare su P1040288eccessi da 4500 Lumen per un prezzo di oltre mille dollari (si, esiste veramente), con qualche decina di euro si prendono lampade che superano agevolmente i 250 lumen (tanto per fare un paragone MOLTO a spanne, un led da 250 lumen fa la luce di una lampada ad incandescenza da 25watt, non mi insulti chi ne sa di illuminotecnica, è solo per dare un’idea) con durate superiori a quelle che si ottenevano usando modeste lampadine ad incandescenza, inoltre tutte le moderne lampade a led hanno la possibilità di regolare l’intensità del flusso luminoso, prolungando così la vita delle batterie fino a diverse decine di ore.

 

P1040282

Grazie alla disponibilità di Marco della Coltelleria Scintilla e del signor Conchieri di Led Lenser Italia l’argomento di oggi è la pila frontale Led Lenser H7.2 con il kit batteria ricaricabile della H7R.2.
La H7.2 ha una potenza massima di 250 lumen, non è estrema ma, ha una portata massima dichiarata di 250 metri, diciamo che forse il valore è un po’ ottimistico, ma la luce è davvero tanta e con un bel fascio ampio ed uniforme; l’ampiezza del fascio è regolabile ruotando la ghiera grigia intorno alla lampada, svitandola il fascio si concentra; l’alimentazione “di serie” è assicurata da quattro batterie AAA (mini stilo) che, secondo il produttore garantisce fino a 60 ore di luce (ovviamente non alla massima potenza).La regolazione della potenza avviene in continuo ruotando la rotella posta sul pacco batterie, la stessa rotella permette di selezionare tre “programmi” diversi, vediamo se riesco a rendere la cosa comprensibile perchè, tanto è semplice in pratica, quanto è un delirio spiegarla.

retroTenendo premuta la rotella posteriore per 5 secondi, si può passare da un programma all’altro, il cambio di programma è segnalato da uno, due o tre lampeggi, rispettivamente per il primo, secondo e terzo programma.
Il primo programma si chiama “Easy low”, al momento dell’accensione la lampada è al minimo della potenza, con un secondo click del tasto di accensione si seleziona la luminosità più alta e tenendo premuto il tasto di accensione per circa tre secondi, si entra in modalità boost, in cui la lampada eroga tutti e 250 i lumen disponibili

Il secondo è il programma “Easy power”, che fornisce la potenza massima all’accensione, la minima al secondo click, ed il solito booster tenendo premuto.
La terza modalità è quella più particolare, la lampada all’accensione è al massimo della potenza, al secondo click si mette a lampeggiare in modalità strobo per segnalazione e successivamente il boost come nelle altre modalità. Il boost è volutamente tenuto “separato” dalle altre modalità perchè riduce parecchio la durata della batteria ed il led potrebbe surriscaldarsi, è bene quindi usarlo solo quando si la necessità vera di un fascio di profondità, altrimenti la modalità power “normale” è più che sufficiente.

Un interessante upgrade per chi viaggia in moto, è il pacco batterie ricaricabile, questi va a sostituire semplicemente le 4 mini stilo senza nessuna modifica, ha un amperaggio di 1400mAh che dovrebbe garantire una durata un po’ maggiore rispetto alle normali batterie alkaline, che hanno un amperaggio pari a 1200mAh, la ricarica avviene attraverso la presa microUSB già presente sull’alloggiamento delle batterie. Ovviamente è possibile ricaricare sia da una presa a muro che dalla presa a 12V di un veicolo.

  ATTENZIONE , se si decidesse di usare batterie AAA ricaricabili, è sconsigliabile utilizzare la presa microUSB per ricaricarle direttamente nella pila, in commercio ne esistono di diversi tipi, diversi amperaggi e non è detto che il circuito non si rovini.